PRESENTATA LA CAMPAGNA ABBONAMENTI 2020/2021

Presentata questa mattina dal Co-Direttore Generale Marco Ghetti e dal Segretario Marco Mercuri, la Campagna Abbonamenti “Sostenitori” 2020/2021.

Queste le parole rilasciate alla stampa dai dirigenti biancorossi:

“Sappiamo benissimo che sarà una campagna particolare esordisce Marco Mercuri. Siamo in contatto quotidianamente con la Questura di Rimini e abbiamo fatto un piano alla Regione Emilia Romagna per poter aprire lo stadio a più di 1000 persone, siamo in attesa di una risposta. Ad oggi, siamo fermi alle porte chiuse, questa è una situazione anomala perché andiamo a giocare in campi con porte aperte, con porte chiuse oppure con porte aperte a qualche tifoso. Domenica prossima a Lentigione vi dico già che si giocherà a porte chiuse.
Abbiamo chiesto un tavolo di lavoro perché giocare con il pubblico è fondamentale sia per la vicinanza dei nostri tifosi che per un aspetto commerciale. Dal 10 di ottobre, faremo partire la campagna abbonamenti con la speranza di riuscire a giocare la partita del 18/10 con la presenza del pubblico. Non sarà facile perché c’è una disparità di situazioni tra una regione e l’altra ed anche tra le società”.

Da ieri – interviene Marco Ghetti – c’è una disposizione nazionale. Le Regioni sono in grado di gestire una parte delle situazioni, si è cercato per il 18/10 di inoltrare una domanda alla Regione Emilia Romagna allo scopo di poter giocare a porte aperte perché il “Neri” permette il distanziamento tra le persone. Come società siamo in grado di rispettare tutti i protocolli di : abbiamo il responsabile di sicurezza Covid e tutto quello che c’è da fare sarà fatto, ad esempio sui seggiolini verrà posizionato il punto esatto in cui ci si potrà sedere. Proseguiremo come in C l’anno scorso, con il tenere i nominativi degli abbonamenti/biglietti e nel caso ci siano situazioni da monitorare possiamo risalire a chi è venuto allo stadio. Abbiamo chiesto in Regione di derogare 2000 posti, 500 per settore: centrale, distinti, curva e settore ospiti, per mantenere tutti distanziati ed in piena sicurezza.

Per quanto concerne gli abbonamenti, abbiamo pensato di dare una sorta di prelazione ai vecchi possessori: gli stessi riconfermando la loro tessera avranno uno sconto. È un segnale. Non potremo garantire lo stesso posto dello scorso anno perché andando a creare i distanziamenti potrebbe essere tra quelli che resteranno inutilizzati.

Se dovessimo rimane così, con 1000 posti a disposizione, non apriremo il settore Distinti per motivi di gestione. Sicuramente ci sarà un incontro con le tifoserie e con la Questura. La tessera sarà chiamata “Abbonamento Sostenitore” perché nel momento in cui viene sottoscritto deve essere pensato facendo i conti con le norme sanitarie, che non dipendono da noi e nemmeno dai tifosi. In virtù di questo, abbiamo deciso di toccare la coscienza dei tifosi, ma non è detto che strada facendo non si riesca a trovare altre formule. Abbiamo deciso di lanciare la campagna abbonamenti in questo momento perché abbiamo ricevuto tante richieste da parte dei tifosi. I prezzi saranno in linea con quelli dell’anno scorso: in un anno difficile per tutti lo slogan della campagna potrebbe essere: incrociamo le dita sperando di poter presto tornare negli stadi”.

Giuseppe Meluzzi

Ufficio stampa Rimini FC