RIMINI-SAMBENEDETTESE 3-1

RIMINI (3-5-1-1): Scotti; Brighi, Ferrani, Marchetti (30′ st Petti); Bandini, Montanari (41′ st Viti), Palma, Variola (24′ st Badjie), Guiebre; Candido (41′ st Cicarevic); Piccioni (24′ st Volpe). A disp.: Nava G., De Angelis, Buonaventura, Osayande, Palumbo, Kalombo. All.: Petrone.

SAMBENEDETTESE (3-4-1-2): Sala; Celiak, Miceli, Fissore; Rapisarda, Signori, Rocchi (30′ st Di Massimo), D’Ignazio ( 39′ st Bove); Ilari; Stanco (12′ st Calderini), Russotto (39′ st Caccetta). A disp.: Pegorin, Rinaldi, De Paoli, Panaioli. All.: Magi.

ARBITRO: Meleleo di Casarano (D’Elia, Jouness).

RETI: 7′ pt Ferrani, 33′ pt Ilari, 26′ st Volpe, 35′ st Candido (rig.).

AMMONITI: D’Ignazio, Miceli.

NOTE: spettatori 2.444 (paganti 1.183, abbonati 1.261) Angoli: 6-8.

Fondamentale quanto meritato successo del Rimini, il primo con mister Mario Petrone in panchina, che al “Romeo Neri” ha piegato l’ostica Sambenedettese, formazione in piena corsa play-off. Il tecnico biancorosso disegna una difesa a 3, con Brighi, Ferrani e Marchetti a protezione di Scotti. Sulla mediana il trio Montanari-Palma-Variola, supportati da Bandini e Guiebre sulle corsie. In avanti Piccioni terminale offensivo con alle spalle la fantasia di Candido. Il primo sussulto al 4′ quando Russotto ruba palla sulla trequarti e con un pallonetto prova a scavalcare Scotti, la sfera termina alta. Al 7′ il Rimini passa. Angolo di Candido dal versante sinistro, stacco imperioso di Ferrani che batte Sala. Tre giri di lancette più tardi Russotto vola sul fondo appoggia a Signori che mette al centro per Rapisarda, sulla conclusione a botta sicura del giocatore rossoblù Scotti si supera e salva la propria porta. Al 20′, dopo un’azione prolungata, Rocchi riceve palla in area e conclude, l’estremo difensore biancorosso è reattivo e blocca. Al 31′ Rapisarda mette al centro dalla bandierina, l’incornata di Fissore chiama ancora una volta Scotti al grande intervento. Due minuti più tardi la Samb impatta. Ilari triangola alla perfezione con Stanco e supera l’estremo difensore biancorosso con una precisa conclusione. Si va al riposo sul risultato di 1-1. La prima emozione della ripresa dopo 8′ quando Guiebre riceve palla sulla trequarti e lascia partire un gran sinistro dalla distanza, la sua conclusione termina sopra la traversa. Due minuti più tardi Candido riceve palla in area e ci prova di prima intenzione, Sala si distende e si salva in angolo. Al 17′ ancora Guiebre si rende pericoloso con un bel sinistro dal limite, l’estremo difensore ospite si rifugia ancora in corner. Al 22′ Candido mette al centro dalla bandierina, il colpo di testa di Ferrani questa volta è preda del portiere. Quattro minuti più tardi il Rimini passa meritatamente in vantaggio. Candido su punizione tocca per Palma, cross al centro del play biancorosso per il neo entrato Volpe che di testa insacca. Alla mezz’ora il neo entrato Di Massimo riceve palla in area e conclude a botta sicura, Scotti si salva di piede. Al 34′ Montanari entra a contatto in area con Miceli e termina a terra, l’arbitro non ha esitazioni e indica il dischetto. Dagli undici metri Candido non sbaglia e chiude virtualmente il match. Dopo 4′ di recupero al “Romeo Neri” termina 3-1 per i ragazzi di mister Petrone, il Rimini con questi 3 punti scavalca il Fano e sale in classifica a quota 37.

Ufficio stampa Rimini F. C.