TRIESTINA-RIMINI, LA VIGILIA DI MISTER ACORI

Dopo la lunga sosta si torna in campo. Domani il Rimini sarà di scena al “Nereo Rocco” di Trieste, nella tana degli alabardati seconda forza del campionato (fischio d’inizio ore 16.30). Così mister Leo Acori alla vigilia del match. “Finalmente riprendiamo a giocare, domani ci aspetta una gara importante, una partita che ci apprestiamo ad affrontare con tanta voglia di far bene. Tutto il gruppo si è allenato nel migliore dei modi, compresi i tre nuovi acquisti. Logicamente ci vorrà un poco di tempo affinché si inseriscano al meglio ma li ho visti molto motivati e pronti a dare il proprio contributo”. Parola d’ordine, in casa biancorossa, invertire la tendenza lontano dalle mura amiche. “Ottenere un risultato importante in trasferta potrebbe dare una svolta alla nostra stagione. In questo senso la gara con la Triestina capita al momento giusto, anche se è innegabile si tratti di un avversario molto ostico. Davanti possono contare su elementi quali Granoche, Petrella e Costantino, ma anche noi siamo una buona squadra. Al ‘Romeo Neri’ abbiamo un ruolino da primi posti, ora dobbiamo dimostrare le nostre qualità anche fuori casa. Vorrei vedere la squadra giocare con maggiore personalità, essere più propositiva e tirare maggiormente in porta. Poi si può anche non fare risultato ma la prestazione e la determinazione non devono mai mancare. Sono fiducioso perché i ragazzi si sono allenati con grande intensità e sono certo lo stesso faranno domani in campo”. Il condottiero di Tordandrea parla anche della finestra di mercato. “Spero sempre finisca presto perché lavorare in queste settimane non è semplice, per tanti e comprensibili motivi. Nonostante questo sono contento perché tutti si sono impegnati al massimo, anche i giocatori che sono sul mercato stanno dimostrando grande professionalità e attaccamento al Rimini. Sono soddisfatto dei nuovi arrivi, sono ragazzi che ci possono dare sicuramente una mano. Non dobbiamo però pensare da soli cambino radicalmente le cose, dobbiamo tutti metterli nelle condizioni di integrarsi al più presto nel gruppo e potersi esprimere al meglio”.

Ufficio stampa Rimini F. C.