RENATE-RIMINI, LA VIGILIA DI MISTER ACORI

Natale in campo per il Rimini di mister Leo Acori, questa mattina impegnato nella rifinitura in vista della sfida in programma domani pomeriggio sul campo del Renate (si gioca al “Città di Meda”, fischio d’inizio ore 14.30). Dopo il prezioso pareggio casalingo conquistato sabato con la Vis Pesaro la trasferta in terra di Lombardia potrebbe costituire una ghiotta occasione per centrare un risultato importante, magari il primo successo stagionale lontano dalle mura amiche. Così il tecnico biancorosso alla vigilia del match. “Faremo il possibile per conquistare il bottino grosso ma dovremo fare grande attenzione perché il Renate è un avversario tosto. Sarà l’ennesimo scontro diretto, una delle partite più difficili che andremo ad affrontare. Ho visto diverse delle loro sfide e se la sono sempre giocata, anche nell’ultima uscita con la Feralpi mi hanno fatto un’ottima impressione, hanno colto un pareggio ma avrebbero meritato anche qualcosa in più. Sottovalutarli sarebbe un grave errore, al contrario dovremo scendere in campo con grande concentrazione e determinazione dal primo all’ultimo minuto”. Sotto questo punto di vista in casa biancorossa si respira ottimismo. Nelle ultime uscite, infatti, la squadra si è dimostrata in crescita sia per ciò che concerne la personalità che la grinta. “Dal derby con la Vis ho avuto indicazioni molto positive. Sia pure opposti a un avversario di grande livello siamo rimasti un’ora in inferiorità numerica cercando, per buona parte del match, di giocare comunque la palla e di essere propositivi. Come detto a caldo, da allenatore, sono ancora più soddisfatto che di quanto visto in occasione dei successi contro Albinoleffe e Monza, dove pure abbiamo avuto il merito di crederci sino all’ultimo”. Il condottiero di Tordandrea torna sull’avversario e prova a far le carte al match. “Ai ragazzi chiedo la massima attenzione perché il Renate è una bella squadra, un avversario che sa giocare a calcio e può contare su elementi importanti quali Venitucci, Gomez e Spagnoli davanti, o lo stesso capitan Anghileri, un terzino molto valido anche quando si tratta di spingere. Mi aspetto una gara giocata a viso aperto. Loro praticano un buon calcio, altrettanto cerchiamo di fare noi con l’obiettivo di portare a casa sempre il massimo da ogni partita”.

Ufficio stampa Rimini F. C.