RIMINI-ALBINOLEFFE, LA VIGILIA DI MISTER ACORI

Riprendere la marcia. Questo l’obiettivo in casa Rimini che domani, dopo le due infruttuose trasferte di Fano e Terni, torna tra le mura amiche opposto all’Albinoleffe (fischio d’inizio ore 14.30). Mister Leo Acori, alla vigilia, ha le idee decisamente chiare. “Domani dobbiamo fare una grande prestazione sotto tutti i punti di vista, tecnico, tattico e del carattere. Una prova come quelle disputate ad esempio con l’allora capolista Fermana o lo stesso Sudtirol. Non ci dobbiamo far condizionare dall’andamento della gara ma, al contrario, siamo noi che dobbiamo determinarne l’andamento”. Sulla strada dei biancorossi la formazione orobica, un’altra di quelle squadre che come il Rimini al momento punta a raggiungere una tranquilla zona di classifica. “Affronteremo un avversario tosto. Li ho visti contro la Fermana, alla prima di mister Marcolini, una gara impostata più sull’aspetto fisico che tecnico. Però è una squadra che sa giocare al calcio e che fuori casa ha ottenuto risultati, paradossalmente ha fatto meglio in trasferta che tra le mura amiche”. Il condottiero di Tordandrea ha grande fiducia nei propri ragazzi. “Su questa squadra conto molto e sono certo possa dare molto di più, a cominciare dal fatto che dobbiamo essere più continui nell’arco di tutti i 90 minuti. Al momento, nonostante qualche alto e basso, siamo in zona salvezza. Questa squadra può fare un buon campionato, l’obiettivo primario è quello di salvarsi e mettere in mostra 3/4 giovani interessanti.Troppe aspettative, specie quelle non alla nostra portata, creano troppe pressioni e non fanno bene ai ragazzi”. Mister Acori chiede a tutti di essere pronti. “Siamo al rush finale del girone d’andata e ci aspettano ancora tante sfide ravvicinate, dunque ci sarà bisogno di ciascuno. Tutti devono sentirsi parte del progetto e tutti devono essere pronti a dare il proprio contributo quando verranno chiamati in causa”.

Ufficio stampa Rimini F. C.