FANO-RIMINI, LA VIGILIA DI MISTER ACORI

Dopo la pesante vittoria sulla Virtus Verona domani il Rimini sarà di scena nella tana del Fano in cerca di ulteriori conferme (fischio d’inizio ore 18.30). Sebbene i granata occupino l’ultimo posto della graduatoria mister Leo Acori non si fida e alla vigilia predica la massima concentrazione. “Quella che affronteremo domani sarà una delle partite più delicate che ci possano essere. Con la Feralpi il Fano ha perso nel finale dopo aver disputato un’ottima prestazione e lo stesso dicasi per le gare con Ravenna e Fermana nelle quali ha ben figurato. E’ un avversario da prendere con le molle, come del resto tutti quelli di questo girone che si conferma molto equilibrato e nel quale partite semplici non ce ne sono”. Il condottiero di Tordandrea rafforza il concetto. “Il Fano è una squadra che gioca bene, che crea occasioni. Sul fronte offensivo, con elementi quali Ferretti e Filippini, è molto insidioso. Dovremo stare molto attenti, compatti e scendere in campo da subito con l’approccio giusto”. L’obiettivo è quello di fare la partita anche fuori casa e, se possibile, centrare il primo successo corsaro della stagione. “A Gubbio, per assurdo visto l’epilogo, abbiamo disputato il nostro miglior primo tempo mentre a Ravenna nella prima frazione abbiamo concesso un po’ troppo. Noi però scendiamo sempre in campo per vincere, sia in casa che fuori casa dobbiamo cercare sempre di ottenere il massimo. Lo stesso faremo domani a Fano”. Dicembre sarà un lungo mese denso di impegni, l’ultima battuta del tecnico riguarda proprio questo aspetto. “Ho parlato con i ragazzi dicendo loro di curare ogni minimo dettaglio, dal riposo all’alimentazione. Ci attendono numerose partite ravvicinate, dunque ci sarà bisogno del contributo di tutti”.

Ufficio stampa Rimini F. C.