RIMINI-ALBISSOLA 4-4

RIMINI (3-4-1-2): Scotti; Vesi, Cola (17′ st Brighi), Mazzavillani; Viti, Montanari (1′ st Capellupo), Variola (1′ st Pasquini), Guiebre; Simoncelli (25′ st Valeriani); Traini (1′ st Cicarevic), Ambrosini. A disp.: Rocchi, Righini, Romagnoli. All.: Righetti.

ALBISSOLA (4-3-3): Caruso; Calcagno (28′ st Boveri), Gargiulo (35′ st Pasquino), Garbini, Gulli (26′ pt Durante); Papi, Cambiaso, Molinari; Coccolo (31′ st Siciliano), Cargiolli, Carballo.A disp.: Vasoli, Corbelli, Olivieri, Galli, Corsini. All.: Fossati

ARBITRO: Monaldi di Macerata.

RETI: 6′ e 18′ pt (rig.) Cargiolli, 3′ st Gargiulo, 20′ st Guiebre, 22′ st Carballo, 38′ st Amrbosini, 41′ st Valeriani, 45′ Cicarevic.

AMMONITI: Vesi, Cicarevic, Pasquino.

ESPULSO: 44′ st Bovero per somma di ammonizioni.

NOTE: spettatori paganti 610. Angoli 3-5.

Primo turno della Poule Scudetto a dir poco pirotecnico tra Rimini e Albissola che, al “Romeo Neri”, chiudono 4-4 al termine di un match dalle mille emozioni. Dopo nemmeno due giri di lancette Simoncelli ci prova dal limite, palla di poco fuori bersaglio. Due minuti più tardi lo stesso Simoncelli conclude ancora dalla distanza, palla a lato. Al 6′ i liguri passano con Cargiolli che raccoglie un traversone di Gulli e da due passi insacca. Due minuti più tardi Guiebre mette in mezzo dal fondo, Simoncelli prova il tap-in da distanza ravvicinata ma Cambiaso salva sulla linea. Al 15′ Viti mette al centro dalla trequarti, Traini in tuffo di testa impegna il portiere. Al 17′ Coccolo viene contrastato in area da Vesi termina a terra, l’arbitro concede la massima punizione. Dagli undici metri Cargiolli non sbaglia realizzando la sua personale doppietta. Al 26′ Papi ci prova dai venti metri, Scotti si allunga e si rifugia in angolo. Sugli sviluppi del tiro dalla bandierina lo stesso capitano biancorosso salva d’istinto sul tentativo di Gargiulo. Alla mezz’ora Ambrosini si libera di potenza di un avversario e lascia partire un gran sinistro, Caruso è reattivo e si salva in angolo. Un minuto più tardi Scotti lancia lungo per Guiebre, grande stop del numero 77 che poi però si allunga troppo la sfera e viene anticipato dall’intervento del portiere. Al 33′ Montanari ci prova dai venticinque metri, Caruso blocca con sicurezza. E’ l’ultima emozione del primo tempo, si va al riposo con gli ospiti avanti 2-0. Dopo 3′ dalla ripresa delle ostilità l’Albissola cala il tris. Papi mette in mezzo dalla bandierina, Gargiulo stacca di testa e batte Scotti. Al 13′ ci prova Cambiaso, Scotti ci mette una pezza e spedisce in corner. Al 17′ Ambrosini lascia partire un missile su calcio piazzato, Caruso vola e si salva in angolo. Tre minuti più tardi il Rimini accorcia le distanze con Guiebre che, dopo aver ricevuto da Ambrosini, lascia partire un gran sinistro dal limite sul secondo palo sul quale il portiere non può nulla. Al 22′ la formazione ligure cala il poker con Carballo che riceve la sfera da Coccolo e conclude, il tiro viene deviato leggermente da Brighi e termina in fondo al sacco. Al 38′ i biancorossi accorciano nuovamente le distanze con Ambrosini che, ben servito da Cicarevic, con una precisa stoccata batte Caruso. Tre giri di lancette più tardi i ragazzi di mister Righetti trovano ancora la via della rete con Valeriani che, sugli sviluppi di una punizione, prima si vede chiudere lo specchio da Caruso e poi lo supera raccogliendone la respinta. Finita? Nemmeno per sogno perchè allo scadere del tempo regolamentare i biancorossi impattano grazie a Cicarevic che, su punizione, disegna una parabola perfetta che fa esplodere il pubblico di casa. E’ l’ultima emozione del match, al “Romeo Neri” termina 4-4. Domenica sarà derby con la Vis Pesaro.

Ufficio stampa Rimini F. C.