RIMINI-ROMAGNA CENTRO, LA VIGILIA DI MISTER RIGHETTI

E’ la vigilia del match che potrebbe risultare decisivo. Sì, perché in caso di successo sul Romagna Centro e di contemporanea mancata vittoria dell’Imolese, domani il Rimini potrebbe finalmente avere la matematica certezza della promozione e tornare tra i professionisti. Comunque andrà sarà una festa, perché si giocherà a porte aperte e con il calore del pubblico, dunque come andrebbe sempre vissuta una partita di calcio. Così mister Luca Righetti al termine della rifinitura. “Domani potrebbe essere la volta buona e credo sia bello che si possa giocare davanti agli sportivi. E’ stato un episodio che non si sarebbe dovuto verificare, gesti simili non vanno mai fatti, ma per colpa di uno credo sarebbe stato un peccato penalizzare una intera città. Domani faremo quello che dobbiamo e poi vedremo, se non si incastreranno le cose festeggeremo la volta successiva. L’essenziale sarà pensare a noi stessi e andare in campo con l’atteggiamento giusto”. Sulla strada dei biancorossi un avversario ostico. “Ritengo il Romagna Centro la squadra rivelazione perché con un budget limitato hanno disputato un campionato molto positivo. Ripetersi non è mai facile. Complimenti alla società e a mister Campedelli perché hanno fatto un ottimo lavoro, così come aveva  fatto molto bene lo scorso anno mister Muccioli”. L’obiettivo dei biancorossi è comunque fin troppo chiaro. “Non sarà una gara facile, ma vogliamo i tre punti per chiudere definitivamente i giochi e poterci dedicare alla poule scudetto valutando anche i ragazzi che, sino a questo momento, hanno trovato meno spazio. Tutti, per la voglia e la professionalità dimostrate, avrebbero meritato di giocare sempre. E’ stato grazie al contributo di tutto il gruppo che la domenica siamo sempre riusciti a farci trovare pronti”.

Ufficio stampa Rimini F. C.