SAMMAURESE-RIMINI, LA VIGILIA DI MISTER MUCCIOLI

mister 21-10

A San Mauro in cerca di continuità. Questo l’imperativo per il Rimini di mister Simone Muccioli che domani, dopo i due meritati successi ottenuti a spese della capolista Villabiagio e del Carpaneto, sarà di scena nella tana della Sammaurese. L’analisi del tecnico biancorosso, alla vigilia del match, parte dalla considerazione riguardante i possibili problemi di formazione con i quali si continua a fare i conti. “In campo andremo in 11 contro 11 e sono certo che chi sarà della partita si farà trovare pronto e darà il proprio contributo. Il modulo? Vedremo, in allenamento abbiamo provato diverse soluzioni a livello tattico. Abbiamo la possibilità di confermare lo schieramento delle ultime uscite così come di giocare a 4 dietro, come accaduto nella prime gare di campionato”. L’allenatore biancorosso parla poi dell’avversario. “La Sammaurese sicuramente non merita l’attuale posizione di classifica. Possiede giocatori importanti, è guidata da un tecnico che conosce molto bene la categoria, è una squadra rodata, composta da molti elementi che giocano insieme da diverse stagioni. In questo momento, nonostante stiano creando tanto, hanno qualche difficoltà a concretizzare. D’altro canto quella giallorossa, come da tradizione, si è confermata essere una delle migliori difese del campionato. E’ una squadra che ha valori, un avversario che va affrontato con il massimo dell’impegno e del rispetto. Dobbiamo però pensare a noi e facendo un bilancio di queste prime 9 giornate credo manchi all’appello qualche punto, quelli che proveremo a recuperare a San Mauro. Andremo al ‘Macrelli’ per fare la prestazione, per cercare di portare a casa il massimo”. Mister Muccioli ha le idee ben chiare anche sul tipo di prestazione che i suoi ragazzi dovranno disputare. “Credo cercheranno di venirci a prendere e di tenere i ritmi alti anche perché sono reduci da tre risultati negativi. Giocano in casa e contro un avversario blasonato dunque scenderanno in campo per dare battaglia, proprio quello che abbiamo intenzione di fare noi. Avranno un atteggiamento aggressivo, noi dovremo rispondere con le stesse armi e cercare di portare l’inerzia dalla nostra parte. Vogliamo dare continuità alle prestazioni e, attraverso queste, cercare di raggiungere il nostro obiettivo che è quello di portare a casa il massimo”.